Morena Moretti

Contatta direttamente l’artista

La serie di tele presentano una sequenza cromatica sul grigio e sul rosa, forse prospettive progressive dell’artista nel suo sguardo al paesaggio insistenetemente ritratto.

Le lagune di Morena Moretti  sono  luoghi dell’anima apparentemente immobili, in realtà mossi da venti invisibili che agitano le ali di stormi di neri uccelli, essenze migratorie che non conoscono frontiere, Il tutto sotto cieli illuminati da candide lune e soli di ghiaccio.

Ombrelli ondeggiano cadendo lentamente a terra, evasi dalla filosofia magrittiana :”questo è un parapioggia?” per trasfigurarsi di nuovo nella loro leggera materia. Lo spazio e l’assenza di aggiunte pleonastiche costruiscono l’incantesimo dei paesaggi raffigurati, dove solo radi cespugli bilanciano un vuoto di immagine altrimenti evocato.

Incontriamo lande prive di frastuono ma piene di ricerca di senso, quasi neoplatonismo pittorico alla ricerca dell’idea. Così possiamo specchiarci in queste opere misurando l’inquietudine o la serenità d’animo che provocano nel nostro vissuto.

Certamente in questi lavori l’artista “riscatta” la concretezza del fare ceramica, del suo concetto d’uso e della sua materialità produttiva: il dipingere l’impalpabile mondo del silenzio mostra l’apparente astrattezza del fare pittura, quella cosa così semplice ma così difficile da fare.

Morena Moretti, pittrice e ceramista, opera tra Bologna e Faenza e Forlì.

Opere disponibili

Sei interessato alle opere! Contatta direttamente l’artista